Vivo sin vivir en mi / Vivo ma non vivo in me (Teresa d’Avila). 2

Esta divina prisión,
del amor en que yo vivo,
ha hecho a Dios mi cautivo,
y libre mi corazón;
y causa en mí tal pasión
ver a Dios mi prisionero,
que muero porque no muero.

Questa prigione divina,
l’amore in cui vivo,
ha reso Dio mia preda
e libero il mio cuore.
fa nascere in me un tale anelito
scoprire Dio mio prigioniero
da morirne se non muoio.

La relazione che Teresa vive con Dio viene percepita come reciproca, in una appartenenza così forte da poter essere rappresentata attraverso l’immagine della prigione: di quale prigione si può parlare se non di legami d’amore? ma in questa rete d’affetti, chi è prigioniero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Babilonia 1

NABUCODONOSOR II (Disco in onice) “Figlia di Babilonia devastatrice,beato chi ti renderà quanto ci hai fatto”. (Sal 137,8)             Nabucco, ossia Nabucodònosor II, nel settembre

Leggi »

Provare per credere

Un altro episodio che caratterizza il percorso spirituale e vocazionale di san Francesco è narrato nella Leggenda maggiore di san Bonaventura (FF 1037): il giovane

Leggi »