FRATI MINORI

CAPPUCCINI TOSCANA

NOTIZIE

DOCUMENTI

CONVENTI

MISSIONI

GIOVANI VOCAZIONI

STUDENTATO

UNIVERSITARIO

ERBORISTERIA

PONTEDERA

La decisione di chiamare i Cappuccini a Pontedera fu presa dal Consiglio di questa città il 21 aprile 1639: il 12 ottobre 1639 fu benedetta la prima pietra della costruenda chiesa, dedicata alla Visitazione, ed il 6 dicembre seguente iniziò la costruzione del convento; nel 1640 i Cappuccini poterono prendervi stabile dimora.

Soppresso sotto Napoleone, il convento fu riscattato l’8 dicembre 1814; dopo la soppressione del 1866, i Cappuccini non riuscirono più a riprenderne il possesso: l'attuale Ospedale cittadino ne occupa l'area e le strutture, sebbene profondamente modificate.

Nel 1909 la Confraternita della Misericordia chiese un cappuccino per cappellano, e nel 1926 fu acquistato un appezzamento di terreno, non lontano dal sito del primitivo convento, dove nel 1930 fu costruito un piccolo ospizio che fino alla costruzione dell’attuale casa, fu dimora dei frati.

La posa della prima pietra dell’attuale chiesa avvenne il 15 giugno 1952, mentre la consacrazione avvenne il 9 ottobre 1954, con la dedica a Maria SS.ma Assunta in cielo: all’interno si conservano un pregevole crocifisso ligneo policromo di ambito pisano degli inizi del XIV sec.; una Visitazione di Maria, attribuita alla scuola del Cigoli (probabilmente pala dell’altar maggiore della primitiva chiesa). Oltre ad alcune opere del pittore contemporaneo Paolo Maiani, le cappelle laterali sono arricchite dagli affreschi graffiti del cappuccino padre Ugolino da Belluno.

I lavori dell’attuale convento iniziarono il 20 marzo 1967, ma la prima pietra fu ufficialmente benedetta soltanto il 28 maggio 1967; nel giugno 1968 i lavori erano sostanzialmente terminati.

Dal 1° ottobre 1972 i Cappuccini prestano il servizio nell'Ospedale cittadino “Felice Lotti”.